Pubblicato da: mjkmi | febbraio 3, 2011

Mumble porco, porco..

Il porco a me fa venire in mente solo cose buone; finché  è vivo è un animale adorabile, simpatico, molto più pulito di quel che si dice e quando poi in questo periodo, o poco prima, lo si macella, è una delle bestie più generose, o forse che affrontiamo con maggiore confidenza perché non ha nulla che non sia commestibile, per dire anche orecchie (cassoela) e vescica (salama da sugo).

Un’amica che la pensa come me, anni fa propose di fondare la religione del maiale; non ne ricordo più i precetti, ma sicuramente prevedevano riduzione delle carni “impure”. Anche oggi, se faccio una valutazione, la suina è la carne che consumiamo di più in casa, arrosti, braciole, spiedini, valdostane, ecc.

Maiali cattivi mi vengono in mente solo quelli di Orwell, ripresi nella loro avidità da Miyazaki ne “La città incantata,” troppo pochi per rendermi il fatto credibile.

Quindi mi sforzo di pensare al maiale in modo differente e mi viene in mente una vecchia barzelletta che diceva:

Che differenza c’è tra xxx e la salsiccia? Nessuna: pelle fuori e maiale dentro.

Ecco, ho pensato che se alla pelle aggiungete il tupè, Mr B è servito ed il gioco è fatto.

Ed ora veniamo a cose di cui valga la pena parlare, la mia ricetta per l’occasione sono gli gnocchetti sardi al ragù di salsiccia e zafferano mantecati al pomodoro fresco.

Ingredienti (per 2 porzioni)
180/200 g di gnocchetti sardi
200 g di salsiccia fresca
mezza carota
mezzo gambo di sedano
una cipolla
uno/due pomodori maturi
un peperoncino
vino bianco
una presa di pistilli di zafferano
pecorino, parmigiano
olio, sale
tempo di preparazione: 15 minuti
tempo di cottura: 20 minuti

Tritate carota, sedano, cipolla e ponete il soffritto in padella su fuoco medio; intanto spellate la salsiccia, spezzettatela e aggiungetela al soffritto, mescolando spesso; aggiungete anche la polpa di un peperoncino privato di semi e filamenti, tritato al coltello. Una volta che tutto abbia preso un po’ di colore e non vi siano più pezzi rosati di carne, sfumate con due dita di vino bianco. Intanto sciogliete una presa di pistilli di zafferano in un mezzo bicchiere di acqua ben calda (io la rubo dalla pentola per la pasta che intanto ho messo sul fuoco) ed aggiungete al sugo, una volta che sia evaporato l’alcool. Lasciate andare a fuoco basso per una decina di minuti, in modo che risulti ben legato e profumato.

Incidete il pomodoro e passatelo in acqua bollente per un minuto; scolatelo, pelatelo, privatelo di acqua e semi, poi tagliatelo a dadini. In questo periodo trovo ancora qualche pomodoro “perina” che rende benissimo nei sughi, in questo caso poi il pomodoro praticamente non vede il fuoco, se non per un paio di minuti.

Cuocete la pasta nella solita acqua bollente salata e scolatela almeno un minuto in anticipo direttamente nel sugo di salsiccia, alzate la fiamma, aggiungete un mestolo di acqua di cottura della pasta, rigirate bene, aggiungete i dadini di pomodoro e portate a cottura. Una volta spento il fuoco, aggiungete una generosa grattugiata di formaggio (io uso un misto di pecorino sardo e parmigiano, ma anche la ricotta salata è adatta al caso), un giro di olio a crudo e mescolate bene in modo da mantecare il sugo e renderlo cremoso. E buon maiale a tutti!

Annunci

Responses

  1. […] ecco fatto: https://mjkmi.wordpress.com/2011/02/03/mumble-porco-porco/ […]

  2. […] mijkmi con gnocchetti sardi […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: